ANALISI E REVAMPING SU IMPIANTO INDUSTRIALE A TETTO

LOCATION: Lombardia – Brescia
SOGGETTO: impianto industriale a tetto di 5 MW ca.
CARATTERISTICHE: copertura a falda
PROBLEMA: spegnimento degli inverter a causa di dispersione generalizzata di corrente
SOLUZIONE: Analisi UV-F visibile e SolarEye
RISULTATO: +20% di produzione con payback di 4 anni

Il problema e la richiesta.

In questo intervento su un impianto industriale a tetto di circa 5 MW, Esapro è stata incaricata di individuare le cause che portavano allo spegnimento degli inverter e di analizzare lo stato dei moduli fotovoltaici.

I moduli sono distribuiti su coperture a falde, con alta densità e scarsi camminamenti. Vista l’impossibilità di controllare tutti i moduli dell’impianto fotovoltaico senza doverli rimuovere, il proprietario si è rivolto a Esapro perché in possesso di tecnologia esclusive in grado di analizzare l’impianto fotovoltaico nella sua interezza e capaci di mappare con la massima esattezza lo stato effettivo di ogni singolo modulo.

L’intervento con Solar Eye e l’analisi UV-F. 

Gli strumenti utilizzati sono stati SolarEye e l’analisi UV-F.

Per identificare correttamente la reale posizione dei moduli fotovoltaici con anomalie, Esapro ha effettuato un’analisi on-site dell’impianto utilizzando il sistema di rilevazione georeferenziata SolarEye e mappare tutti i moduli fotovoltaici dell’impianto senza maneggiarli.

SolarEye utilizza immagini rilevate in volo da droni per elaborare un’ortofoto visibile dell’intero impianto e grazie ad algoritmi di computer grafica è in grado di restituire la mappa dettagliata delle anomalie. Questo consente di effettuare un’analisi in tempi estremamente ridotti e con precisione massima.

La posizione dei moduli con tali anomalie era del tutto casuale nell’impianto fotovoltaico, pertanto si è deciso di non eseguire il posizionamento dei moduli con anomalia segnandoli in modo manuale nella planimetria, ma di applicare uno speciale adesivo per il riconoscimento automatico a seguito della realizzazione di una ortofoto.

Attraverso, poi, l’analisi di fluorescenza ai raggi UV, effettuata in notturna con particolari attrezzature, Esapro ha potuto individuare particolari pattern legate alla difettosità del backsheet.

La causa dello spegnimento degli inverter è stata individuata nella perdita di isolamento dei moduli dovuta a un difetto nel backsheet del modulo stesso che in alcuni casi presentava micro fessure. Nell’analisi è stato evidenziato che il 9% dei moduli denotava una perdita di isolamento, per un totale di 1.844 moduli. 

Il revamping e i risultati. 

Grazie alla precisione della mappatura, Esapro è potuta intervenire con una sostituzione mirata dei moduli. Ciò ha determinato minori tempi di intervento, circa il 90% in meno rispetto agli strumenti di analisi convenzionali, la completa risoluzione dei problemi e il ripristino del corretto funzionamento dell’impianto fotovoltaico e l’incremento della produzione del 20%.

Il rientro del costo dell’intervento (payback), durato 1 giorno per la rielaborazione dei dati e 4 ore di volo con SolarEye, è stato calcolato in soli 4 anni.

Gallery